Violenza contro la Comunidad de Paz de San José de Apartadó

Terribili notizie continuano ad arrivare dalla Colombia; venerdì 29 dicembre un gruppo di paramilitari ha violato lo spazio della Comunidad de Paz de San José de Apartadó, attaccando a mano armata il rappresentante legale, Germán Graciano Posso, ed altri membri della Comunidad. La violenza e il tentato omicidio sono stati immediatamente denunciati da Operazione Colomba, organizzazione italiana che da anni accompagna la Comunidad, insieme a Peace Brigades International e ad altre organizzazioni internazionali.

La Comunidad de Paz ha celebrato nel 2017 i suoi 20 anni di vita, 20 anni di resistenza nonviolenta, durante i quali si sono susseguite le denunce e le azioni di costruzione reale e concreta di un cammino di pace.

L’attacco brutale di venerdì è l’ennesimo di una serie di atti violenti che sono stati sistematicamente denunciati a livello nazionale e internazionale. Come ha scritto Mario Giro ( Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale) “è in corso una vasta operazione di intimidazione violenta contro civili indifesi da parte dei paramilitari delle Autodefensas.”; a nome del Governo Italiano, il Vice Ministro ha chiesto “al governo colombiano di garantire la sicurezza dei civili e di mettere efficacemente i paramilitari fuori dalla possibilità di nuocere.”

La sua voce si unisce a quella di tante organizzazioni internazionali (tra cui la Red Europea de Protección a la Comunidad de Paz e altre reti internazionali), che si sono rivolte in queste ore al Governo Colombiano, alle Nazioni Unite e alla Corte Interamericana per i Diritti Umani, per chiedere il rispetto di quanto accordato con la firma della Pace e di agire urgentemente per garantire la protezione di chi in Colombia difende i Diritti Umani. Secondo l’ONU, nel 2017 sono stati uccisi oltre 100 Difensori dei Diritti Umani in Colombia; cifra che fa rabbrividire e obbliga a una riflessione seria sul processo di pace.

 

DI seguito:

Azione urgente della Rete Europea di protezione della Comunità di Pace

Comunicato della Comunidad de Paz

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*