Visualizza il nuovo sito di pacedifesa

Home Page

news| presentazione| contributi teorici| interventi internazionali| formazione| iniziative| ricerche e pubblicazioni| convegni e seminari| link

News - ottobre 2005

news



Pacedifesa

Foglio informativo del Centro Studi Difesa Civile – Anno n.III, settembre-ottobre ‘05
Direttore Francesco Tullio – Caporedattore Francesco Loiacono, redazione Francesca Lupacchini
Matteo Menin, Giacomo Galeno - Webmaster Emanuele Capponi

Indice delle rubriche

E’ online il report 2004 del Csdc

Laboratori di pace 2005 – Le sfide della diplomazia

1. Notizie Csdc
2. L'Europa in cerca di sicurezza
3. Interventi internazionali
4. Cosa succede in Italia
5. Contributi teorici
6. Segnalazioni e annunci


1. Notizie Csdc

a. E’ online il report 2004 del Csdc

b. Le sfide della diplomazia internazionale fra nazionalismo e globalizzazione - Laboratori di Pace 2005, conduttore Stefano Cera
Il laboratorio mira ad approfondire alcune tra le più importanti crisi internazionali degli ultimi anni, allo scopo di analizzare gli eventi e "rileggerli" attraverso l’applicazione delle tecniche della trasformazione dei conflitti, per identificare possibili soluzioni alternative, negoziali e non violente, delle controversie. Le date: 25/26 novembre e 16/17 dicembre 2005 
Per Maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione potete contattare il Csdc (Vanessa Conigli) dalle 10 alle 14.00: tel 068419672, e-mail: v.conigli@pacedifesa.org

c. Corso internazionale di formazione per formatori sulla trasformazione costruttiva dei conflitti
Il Corso internazionale di formazione per formatori sulla trasformazione costruttiva dei conflitti realizzato dal Csdc assieme ad altri 3 importanti centri europei di formazione (KURVE Wustrow, Germania; Partners for Democratic Change, Slovacchia; PATRIR, Romania e IFOR, Olanda). L’ approccio autenticamente multiculturale, l’innovatività degli strumenti e dei metodi, oltre che la pluralità delle sedi ne fanno un corso unico nel suo genere.  La scadenza per le iscrizioni è il 1° Dicembre 2005. scarica la brochure informativa.


2. L'Europa in cerca di sicurezza

Per informazioni, commenti e contributi: europe@pacedifesa.org

a. Brevi dall’Europa:
Le ultime news sul peacebuilding, la politica estera, di sicurezza e di difesa dell’Europa: le iniziative istituzionali, delle organizzazioni della società civile e le nuove pubblicazioni più interessanti.

b. Reti Europee: I Servizi Civili di Pace nell’Agenda Globale per la prevenzione dei Conflitti presentata all’ONU.
Alla fine di luglio, dopo tre anni di preparazione, ha avuto luogo a New York la Conferenza Globale dell’ONU sul ruolo della società civile nella prevenzione dei conflitti armati e nel Peacebuilding. Alla conferenza – come nel lavoro preparatorio – hanno partecipato diversi rappresentanti di EN.CPS e NP. Il contributo delle reti europee appare evidente dagli ampi riferimenti ai Servizi Civili di Pace ed all’azione della Società civile nel peacebuilding. Sul nostro sito, un estratto in Italiano del documento finale approvato, la "Global action agenda for the prevention of violent conflict" e l’Analisi di Bernardo Venturi.

c. Nonviolent Peaceforce
E’ disponibile il report 2004 in Inglese Nonviolent Peaceforce, in cui si traccia un bilancio dell’attività dell’organizzazione e del progetto pilota in Sri-Lanka, oltre che dei nuovi progetti in realizzazione. Presto disponibile anche una versione Italiana.

Continua il lavoro nello Sri-Lanka per sostenere le organizzazioni locali che lavorano per la pace, lavoro sempre più difficile ed importante dopo le tensioni riaccese dall’uccisione del Ministro degli esteri nell’Agosto scorso. In questo numero una lettera di William Knox - direttore del progetto NP in Sri Lanka - che descrive l’attuale situazione.

Inoltre Np cerca volontari qualificati per monitoraggio elettorale proprio in Sri Lanka in occasione delle elezioni presidenziali di novembre. L’organizzazione di riferimento è la piattaforma di ONG locali PAFFREL (People’s Action for Free and Fair Election) che collabora strettamente con Nonviolent Peaceforce.

d. New York, concluso il summit dell’ONU: il no degli Stati Membri alla guerra preventiva
Si è concluso a New York il Summit mondiale dell'Onu. Nel documento finale del summit (disponibile sul sito http://www.un.org/summit2005/documents.html ), sul tema della sicurezza collettiva e dell’uso della forza, e in particolare sulla questione della legalità della guerra preventiva, si ribadisce: il divieto dell'uso della forza non autorizzato dall'Onu; che la prevenzione e la rimozione delle minacce alla pace deve essere perseguita con mezzi pacifici; che è necessario procedere in modo multilaterale. Alla società civile il compito di mantenere alta l'attenzione su questo tema per fare in modo che dalle parole si passi ai fatti.


3. Interventi internazionali

a. Colombia

Nuove minacce per i contadini della Comunità di Pace di San José de Apartadò e appello della rete italiana alla Vicepresidenza colombiana.
Secondo le testimonianze, i responsabili delle minacce sarebbero sia membri dell’esercito affiancati da civili armati, sia poliziotti. Nella frazione di La Linda, sono apparse delle scritte in cui si annunciava il prossimo arrivo dei paramilitari per uccidere i contadini. La rete di sostegno italiana per le comunità di pace colombiane propone di inviare alla vicepresidenza colombiana una lettera per fare pressione in favore della popolazione civile.

Nonviolent Peaceforce a San José de Apartadó?
Si fa sempre più concreta la possibilità che NP sviluppi un progetto specifico a sostegno della Comunità di Pace, dopo che il suo Coordinatore Regionale per l’America Latina, Alvaro Ramirez-Durini, si è recato a San José de Apartadó dal 18 al 27 settembre. Scopo di tale visita è stato la preparazione di un eventuale progetto di NP in Colombia.
Intanto sono minacciate le comunità di afrodiscendenti e di indigeni nel Jiguamiandó.
L’organizzazione colombiana per la difesa dei diritti umani Comisiòn Intereclesial de Justicia y Paz e il Consejo Comunitario del Jiguamiandó y familias de Curvaradó, denunciano il coinvolgimento di membri delle Forze Armate nelle minacce e nell’espansione illegale della coltivazione della palma da olio all’interno dei territori collettivi delle comunità del Jiguamiandò. Si tratta di aree protette dalla Legge 70 che ne prevede l’inalienabilità e l’assegnazione, con titolo collettivo, agli abitanti di origine africana e agli indigeni.

Lucia Benuzzi ci racconta il suo anno in Colombia come volontaria di PBI.
Lucia parla della sua esperienza. Comincia con la ricerca personale di un’organizzazione con la quale poter sperimentare direttamente e personalmente il mio essere nonviolenta. Descrive l’arrivo a Bogotà per completare la formazione, e successivamente tocca i momenti più duri, quelli vissuti al fianco della comunità di San José de Apartadó durante il massacro del 21 febbraio ed il successivo sfollamento della comunità.

b. Palestina

Territori Occupati Palestinesi: continuano le aggressioni dei coloni israeliani
Il 24 settembre 2005, nei pressi di Suseya, villaggio palestinese nelle colline a sud di Hebron, si è consumata l'ennesima violenza da parte di coloni israeliani nazional-religiosi provenienti dal vicino insediamento di Suseya: coloni Israeliani nazional-religiosi hanno attaccato due villaggi Palestinesi. Negli scontri due Pacifisti Israeliani sono stati feriti. Leggi il comunicato stampa diffuso da Operazione Colomba.

Manifestazione di Hamas a Nablus - 3/09/ 2005
"Nablus non è Gaza ma la presenza di Hamas si fa sentire anche quassù. Ci è capitato così di prendere parte ad una di quelle parate che viste alla televisione risultano un condensato del repertorio macabro-guerresco che in questi ultimi anni abbiamo purtroppo imparato a conoscere." Per aggiornamenti sulla situazione in Palestina, segui la campagna "Report dalla Palestina" dei volontari dell'Associazione per la Pace al blog http://assopace.blog.tiscali.it 

c. Cipro
I ragazzi del progetto corpo civile di pace operante a Cipro nel progetto di cooperazione "Dialogues of Peace in Cyprus", fissano una "Premessa di Metodo" per gli interventi di cooperazione e fanno un resoconto della situazione. Leggi il report di Gianmarco Pisa.


4. Cosa succede in Italia

a. Corso per Mediatori Internazionali di Pace "Bertinoro 2005":

Si chiudono sabato 22 ottobre le iscrizioni la corso Organizzato da Pax Christi e ALON in collaborazione con: Provincia Forlì-Cesena - Comune di Bertinoro - Regione Emilia-Romagna - Polo Scientifico Didattico di Forlì dell’Università di Bologna. Per informazioni ed iscrizioni: http://www.alon.it  o ggatta@wooow.it .


5. Contributi teorici

a. Al cospetto del kosovo
"Mille immagini sature di significati hanno accompagnato la mia attività a Mitrovica ,‘buco nero’ d’Europa nel nord del Kosovo, che si è sviluppata dal 21 giugno al 21 luglio nell’ambito di un’esperienza di cooperazione internazionale, insieme con un gruppo di ‘Mediatori di Pace’, all’interno dell’ "Associazione per la Pace"." Leggi il reportage del giovane Gianmarco Pisa dal titolo "al cospetto del Kosovo".

b. Stefano Cera- Marco Di Gregorio: Analisi economica nella negoziazione nelle PMI: analisi/costi benefici
L’articolo di Stefano Cera e Marco Di Gregorio, pubblicato su Flaminia-Percorsi di giurisprudenza di merito nei rapporti economici- sezione on-line 1/2005, introduce il lettore alle tecniche di gestione del conflitto ed alla negoziazione quale strumento per risolverlo in modo "costruttivo".

c. Cambiamo e salviamo l’Onu. Intervento di p. Angelo Cavagna preparato per l’Assemblea dell’Onu dei Popoli
Divulghiamo con piacere su richiesta dei volontari del GAVCI, l’intervento che p. Angelo Cavagna, presidente del GAVCI, ha preparato in occasione della 6° Assemblea dell’Onu dei Popoli (Perugia 8-10 settembre).


6. Segnalazioni e Annunci

a. Convegno a Roma- La pace: una sfida per l’Unione
Lunedì 24 ottobre 2005 presso il Palazzo Marini, Sala delle Colonne (via Poli, 19) avrà luogo il convegno La pace: una sfida per l’Unione promosso dall’ On. Elettra Deiana (Prc) e On.  Silvana Pisa (Ds), deputate del Forum dei parlamentari pacifisti.

b. Le Arance solidali ritornano a Mitrovica
Anche quest'anno una delegazione di 9 camperisti italiani ha realizzato il Tour dei Balcani con lo scopo di consegnare i materiali acquistati con i fondi raccolti attraverso l'iniziativa di solidarietà "Arance di Natale" e destinati alle realtà disagiate dell'area. La delegazione è giunta a Mitrovica/ë (Kosovo/a) il 2 ottobre 2005 ed è stata accolta dalle operatrici dell'Associazione per la Pace. Per ulteriori informazioni: www.arancedinatale.org .

c. Corso sul Metodo Decisionale del Consenso - Cà Forneletti (Valeggio sul Mincio)
Il 22 - 23 ottobre si svolgerà il corso formativo delle Peace Brigate International tenuto dal nostro socio Roberto Tecchio e rivolto principalmente ai soci/alle socie dell'Associazione PBI Italia, ma aperto anche a tutti/e coloro che desiderano conoscere il metodo decisionale consensuale, utilizzato in PBI e in genere in ambito nonviolento. Per informazioni e iscrizioni: Segreteria Associazione PBI Italia - Onlus
Telefono: 349.3768636 ( L-V dalle 14:30 alle 18:30 ) Email: pbiitalia@email.it

d. December 27-30, 2005 Bethlehem University, Palestine - International Conference Celebrating Nonviolent Resistance!!
Holy Land Trust and Nonviolence International invite you to join global activists and scholars for an historic international nonviolence conference titled Celebrating Nonviolent Resistance!!.
More information on the site: www.celebratingnv.org .


AVVISO IMPORTANTE ai LETTORI di PACEDIFESA

Caro lettore, come saprai è in corso da tempo, in Italia ed in Europa, una discussione sul rispetto della privacy nell’invio di messaggi di posta elettronica.

Il CSDC è da sempre attento al rispetto delle libertà delle persone, e il rispetto della privacy dei nostri lettori, soci o sostenitori è per noi una regola fondamentale di coerenza con la nostra mission. Per essere certi di rispettare la legge, ed in particolare le nuove norme ed i futuri provvedimenti in materia, dobbiamo chiederti di leggere con attenzione e sottoscrivere il modulo presente alla pagina web: http://www.pacedifesa.org/mailinglist/index.asp  
Se sottoscriverai il modulo, per te non cambierà nulla, continuerai a ricevere la newsletter e le altre informazioni, ma permetterai al CSDC di rispettare i nuovi obblighi di legge e ad essere sicuro di adempiere con correttezza ai propri scopi statutari. In caso contrario, presto, non potremmo più inviarti i messaggi ed in particolare la newsletter Pacedifesa.

Grazie. Anche questo è un modo per sostenerci nel nostro lavoro.

Il CSDC


I vantaggi dell’iscrizione al CSDC

**I soci ricevono gratis oltre al bollettino informatico mensile "Pacedifesa" il nuovo servizio Lavorare in Pace una rassegna delle offerte di lavoro, di stage e tirocini nelle migliori organizzazioni italiane e internazionali impegnate nel settore della prevenzione e trasformazione dei conflitti.

Quota associativa: soci ordinari 30 €; soci attivi 50€; soci sostenitori 100€

Puoi versare la quota su c/c Bancario o postale ai seguenti recapiti:
C/c bancario n. 107165, intestato a: Centro Studi Difesa Civile, ABI 05018 - CAB 12100.
Presso Banca Popolare Etica, Filiale di Roma, Via Rasella, 14 - 00187 Roma.
Causale: "Tesseramento 2004" + (eventuale) "donazione".
C/c postale n. 12182317, intestato a: Banca Etica Roma.
Causale: "c/c 107165 intestato a Centro Studi Difesa Civile, tesseramento 2004 + (eventuale) donazione".
Segnalaci via email
(roma@pacedifesa.org ) l’avvenuto versamento e l’indirizzo al quale vuoi ti venga recapitata la tessera. Per maggiori info puoi contattare le nostre segreterie ai recapiti indicati in calce.
CENTRO STUDI DIFESA CIVILE – Sito web:
www.pacedifesa.org  
Cod. Fisc. 97062390584
Sede legale: Via della Cellulosa, 112 - 00166 Roma
Roma: Via Salaria, 89 - 00198 – T. 06.84.19.672 - Fax 06.88.41.749 –
roma@pacedifesa.org

CSDC è membro dell’Associazione per la Pace come gruppo tematico

Ci scusiamo se questo messaggio arreca disturbo. Qualora non intenda più ricevere il nostro foglio informativo, può cancellarsi da questa lista scrivendo all'indirizzo newsletter-unsubscribe@pacedifesa.org avendo cura di usare l'account che ha ricevuto la mail