Costruire la Pace e proteggere i Difensori dei Diritti Umani: nuovi orizzonti per la Cooperazione Italiana

Evento Collaterale Conferenza Nazionale Cooperazione allo Sviluppo 2018

Il 24 e 25 gennaio 2018 a Roma presso l’Auditorium Parco della Musica, si è svolta la Conferenza Nazionale della Cooperazione allo Sviluppo,  organizzata congiuntamente da Farnesina e Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

Sono stati due giorni di incontri in plenaria, con tavoli di studio per approfondire i temi “Giovani”, “Migrazioni”, “Sviluppo Sostenibile” e “Settore privato”.

Tra gli eventi collaterali che hanno arricchito di ulteriori temi l’agenda della Conferenza,  è stato organizzato dalle reti Tavolo Interventi Civili di Pace, InDifesaDi e AOI un incontro sul  tema: Costruire la Pace e proteggere i Difensori dei Diritti Umani: nuovi orizzonti per la Cooperazione Italiana.

L’incontro è stato introdotto con una panoramica della normativa internazionale e nazionale che prevede impegni nella promozione/costruzione della pace curata dalla Direttrice del CSDC, che ha parlato a nome del Tavolo ICP di cui è co-referente.

Nel corso dell’evento sulla questione degli human rights defenders è emerso che chi difende i diritti umani ancora oggi rischia la vita:  più di 300 attivisti e attiviste sono stati uccisi e uccise nel 2017.

Sulla questione dei Corpi Civili di Pace si è riaffermata la necessità di valorizzare e stabilizzare il loro ruolo, anche oltre la  fase di sperimentazione attuale che li colloca all’interno del Servizio Civile.

Le ONG presenti hanno chiesto con forza un impegno delle istituzioni per sostenere lo sviluppo di progetti a sostegno dei processi di pace e a difesa dei diritti umani.

Gli eventi collaterali si sono rivelati un’opportunità preziosa per il dialogo tra società civile e attori istituzionali.