I primi passi della Campagna “Un’altra difesa è possibile”

Il CSDC assieme alle altre realtà della società civile raccolte nel Tavolo ICP, Rete Italiana per il Disarmo, Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile (CNESC), Forum Nazionale per il Servizio Civile, Rete della Pace e Sbilanciamoci!, ha lanciato il 2 ottobre Giornata internazionale della Nonviolenza la Campagna per il disarmo e la difesa civile “Un’altra difesa è possibile”.

La campagna si articola nella raccolta di firme per la Legge di iniziativa popolare che intende istituire un Dipartimento che comprenderà i Corpi civili di pace e l’Istituto di ricerche sulla Pace e il Disarmo e che collaborerà con il Dipartimento della Protezione Civile, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ed il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.
La proposta di legge prevede che il finanziamento della nuova difesa civile non sarà solo parte del bilancio statale, ma potrà avvenire anche grazie all’introduzione dell’ “opzione fiscale”, cioè la possibilità dei cittadini in sede di dichiarazione dei redditi di destinare il 6 per mille alla difesa non armata.

http://www.pacedifesa.org/public/immagini/Present%20Cass%20PDl%203%20lugl%202014%20ritagl.jpg
La presentazione delle firme alla Corte di Cassazione a Roma

Il CSDC ha seguito gli sviluppi della Campagna sin dai suoi primi passi: dalla stesura della proposta di legge a cui ha contribuito  Giorgio Giannini, Presidente del CSDC, sino alla sua presentazione in Cassazione il 3 luglio.
Il 3 luglio infatti è stato depositato in Cassazione il titolo della proposta di legge per istituire la difesa civile, non armata e nonviolenta. È seguita una Conferenza stampa presso l’Archivio Disarmo, in cui sono stati presentati i contenuti della proposta di legge e la Campagna per il Disarmo e la Difesa Civile volta a sostenerla.
L’obiettivo è quello di fornire ai cittadini uno strumento concreto che renda forte come Istituzione dello Stato la difesa civile, non armata e nonviolenta.

La campagna è stata presentata il 25 aprile 2014 in Arena di pace e disarmo e poi rilanciata a Firenze il 21 settembre, Giornata internazionale della Pace, durante la manifestazione nazionale “Facciamo insieme un passo di Pace”.
Il 2 ottobre è stata avviata la raccolta delle 50.000 firme necessarie per depositare alla Camera la Proposta di Legge di iniziativa popolare.

Documenti di approfondimento:

Sunto rassegna stampa:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*