Aggiornamenti 2013

Dopo il lancio del documento “Identità e criteri degli Interventi Civili di Pace italiani”, durante il periodo elettorale, le associazioni aderenti al Tavolo ICP hanno promosso “L’agenda del disarmo e della pace” contenente una serie di proposte politiche per l’attuale legislatura, partendo dal riconoscimento e la valorizzazione del patrimonio di esperienze maturato dalla società civile italiana in situazioni di conflitto. In seguito, le associazioni del Tavolo ICP e di Rete Disarmo sono entrate in una fase di convergenza mentre già si sta guardando al grande “Peace event” internazionale “Sarajevo 2012”  per rilanciare i corpi e i servizi civili di pace europei a 100 anni dallo scoppio della prima guerra mondiale.
Tutto ciò palesa una ferrea determinazione e una notevole capacità della società civile italiana nel portare avanti il concetto dell’intervento civile non armato in area di conflitto.
La storica rivista Azione Nonviolenta ha dedicato un numero monografico all’argomento a cui il CSDC ha contribuito ampiamente. Il numero, uscito ad inizio anno 2013,  è ora disponibile anche on-line in versione pdf da questo link.  

Il contributo del Tavolo ICP al Forum Cooperazione

Sviluppo, intervento in zone di conflitto e peacebuilding non possono più considerarsi categorie distinte. Accanto all’azione umanitaria e ai tradizionali interventi istituzionalizzati di peacekeeping ad alta componente militare, sono sempre più frequenti e necessari interventi non-armati di mantenimento e costruzione della pace messi in campo da organizzazioni della società civile. Questo è stato il messaggio che il Tavolo ICP ha portato al Forum Cooperazione di Milano.

Vai alla pagina di approfondimento.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*